Erano solo ragazzi in cammino. Autobiografia di Valentino Achak Deng

Dave Eggers

Traduttore: G. Strazzeri
Editore: Mondadori
Collana: Oscar 451
Anno edizione: 2018
Formato: Tascabile
In commercio dal: 19 aprile 2018
Pagine: 602 p.
  • EAN: 9788804704744
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

In questo sconvolgente romanzo, Eggers racconta la storia della guerra civile in Sudan attraverso gli occhi di Valentino Achak Deng, un giovanissimo profugo che ora vive negli Stati Uniti. Seguiamo così la sua storia mentre, ancora bambino, si trova costretto a fuggire dal suo villaggio, dopo l'ennesima strage, e si incammina insieme a migliaia di altri orfani alla volta dell'Etiopia, dove per un po' sarà al sicuro. Le traversie di Valentino, che sono davvero di sapore biblico, lo portano in contatto con soldati governativi, miliziani allo stato brado, ribelli, mine antiuomo, iene, leoni, malattie, fame, sete e privazioni di ogni sorta, ma anche con una serie di storie tanto struggenti quanto inattese. La limpida prosa di Eggers dà a Valentino una voce unica, affascinante e sobria capace di rendere il suo racconto ora straziante, ora divertente, ora inquietante, ora poetico. Il risultato è una narrazione terribile della tragedia sudanese, ma anche un'emblematica saga della modernità.

€ 14,45

€ 17,00

Risparmi € 2,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Ilaria

    23/09/2018 10:32:34

    Commovente. La scrittura di Eggers è sempre scorrevole e per quanto siano tristi i temi che tratta, i suoi libri si leggono sempre volentieri. Non è il mio genere ma lo scrittore mi ha fatto amare questo libro. Una storia sconvolgente vista dagli occhi di un bambino, fa riflettere davvero su ciò che succede nel mondo...

  • User Icon

    n.d.

    14/10/2017 15:44:50

    lento e noioso

  • User Icon

    stefano

    18/11/2016 11:16:18

    La biografia di questo ragazzo dovrebbe essere letta nelle scuole. Una storia attuale, che lascia disorientati e turbati.

  • User Icon

    bericopredieri

    09/07/2013 19:52:15

    purtroppo non sono stato così bravo come il lettore che è riuscito a leggerlo in 4 giorni, a me sono voluti 4 mesi, rimane però il fatto che concordo pienamente con il suo giudizio. Avventura, thriller, noir, suspense, emozioni, tutto si alterna nelle otre 500 pagine di questo libro, forse se un appunto si può fare è proprio nella lungaggine del libro, forse un po' più di sintesi e un centinaio di pagine in meno avrebbero giovato a chi come me proprio un fulmine di lettura non è.....

  • User Icon

    Lomax

    30/08/2010 13:50:31

    Già scritto tutto da chi mi ha preceduto nella recensione, per cui non posso far altro che replicare il loro giudizio entusiastico: un libro davvero meraviglioso e istruttivo!

  • User Icon

    Emanuela

    05/09/2009 04:15:04

    Un libro capace di far rivivere e comprendere le terribili esperienze di un giovane a cui e' toccato nascere in un Paese socialmente, economicamente e culturalmente svantaggiato, quale il Sudan meridionale. Profondamente umano, riesce a dare una chiara visione di quel mondo remoto, in gran parte grazie alla prospettiva statunitense da cui il protagonista narra le proprie passate vicende. Commovente ma mai lacrimevole, quest'opera esprime la dignitosa, coinvolgente compostezza di un uomo che sente appieno il senso del sopravvivere e del vivere.

  • User Icon

    gianni

    28/01/2009 11:31:05

    Libro molto bello e coinvolgente. Scritto bene. Inizialmente sembra che le cose vengano descritte con troppo distacco, quasi irritante, visto la gravità delle cose narrate. Poi, non so dire bene se perché cambi il tono della narrazione o perché l’autore riesca a far cambiare la prospettiva al lettore, la narrazione ti prende e non ti lascia scampo: devi leggere tutto di un fiato. Non credo che questo libro possa essere letto, nonostante la mole, in tempi troppo lunghi. Io personalmente l’ho letto in quattro giorni (compreso un fine settimana). Non credo che sia molto importante se quello che succede nel romanzo è successo veramente al protagonista, Valentino Achak Deng, oppure se è successo a persone di sua conoscenza. L'importante è che quello che viene narrato è verosimile, nel senso che anche se non è accaduto veramente al protagonista del libro, è accaduto ad altre persone, ad altri bambini o ragazzi, ad altri esseri umani. E questo secondo me deve far riflettere. La schiavitù, che purtroppo esiste anche ai giorni nostri in alcuni paesi (da sottolineare che i vari popoli africani siano fortemente razzisti fino a poter considerare giusto il ridurre in schiavitù altri esseri umani appartenenti ad un'altra etnia). La violenza estrema ed ingiustificata verso persone inermi che non hanno colpa se non quella di esistere (ecco perchè i crimini descritti in questo romanzo siano da ritenersi crimini contro l'umanità). Il romanzo arriva poi con la narrazione ad intaccare l'attuale millennio e quindi parla anche del Darfur, ma i fatti che descrive sono ben precedenti alle vicende del Darfur. Commoventi le figure di occidentali che cercano di aiutare i profughi, sia in Africa che in America. Da leggere e riflettere

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione