Salvato in 55 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Quando lei era buona
19,00 € 20,00 €
;
LIBRO
Dettagli Mostra info
Quando lei era buona 190 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
19,00 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
20,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Piani
15,00 € + 5,00 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Tomi di Carta
26,99 € + 5,00 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
19,00 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
20,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libreria Piani
15,00 € + 5,00 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Tomi di Carta
26,99 € + 5,00 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Chiudi
Quando lei era buona - Philip Roth - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Quando lei era buona Philip Roth
€ 20,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione


In questo romanzo tanto divertente quanto terrorizzante, assoluta protagonista è, caso unico nei romanzi di Philip Roth, una donna.

Da bambina Lucy Nelson vede il padre alcolista finire in galera. Da quel giorno ha cercato di redimere qualunque uomo le capitasse intorno, per la rovina sua e dei suoi amanti. Quando Roy e Lucy iniziano a uscire insieme, lui lo fa perché sta cercando se stesso, lei perché non sopporta più una madre remissiva e un padre ubriacone. Si innamorano, o cosi credono. Quando Lucy cede alle estenuanti insistenze, alle canzoni romantiche e alle parole rassicuranti di Roy e "va fino in fondo", rimane incinta. Da quel momento in avanti, come in una tragedia greca in cui, qualunque cosa si faccia, non si può sfuggire al destino, tutto precipita. Lucy non vuole ripercorrere le orme della madre, non vuole diventare la moglie di un uomo egoista, debole e fallito, ma si convince di essere già quel tipo di donna, trascinando il matrimonio - e se stessa - alla rovina. Uscito subito prima del Lamento dì Portnoy, questo terzo romanzo di Philip Roth contiene già tutto il sarcasmo, l'ironia tagliente, l'inquietudine morale delle opere della maturità. Ma possiede una caratteristica che lo rende una stella preziosa: è l'unico romanzo del maestro di Newark ad avere per protagonista una donna. Con Lucy, Roth consegna alla storia della letteratura un personaggio agghiacciante e commovente, incarnazione di una donna che lotta per non sprofondare nella propria follia.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2012
9 ottobre 2012
303 p., Rilegato
9788806210861

Valutazioni e recensioni

4,38/5
Recensioni: 4/5
(16)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(9)
4
(5)
3
(1)
2
(1)
1
(0)
luciano
Recensioni: 5/5

Un bellissimo romanzo di tipo ottocentesco, scritto da un grande scrittore, in cui si assiste al precipitare di Lucy, la protagonista, nel baratro della follia.

Leggi di più Leggi di meno
AdrianaT.
Recensioni: 2/5

Quando lei era buona, lui lo era meno... Un Roth minore, un Roth degli inizi. Dopo l'annuncio che non scriverà più, editorialmente, si è raschiato il fondo del barile. Fondo del barile o no, la mia decisione di completare la lettura della sua intera produzione letteraria non recede perché, nonostante che al di fuori del Zuckerman narratore e protagonosta non abbia trovato molta soddisfazione, ho capito fin dal suo primo libro che ho letto, 'La controvita', che 'Letting [him] go' non sarebbe più stato possibile.

Leggi di più Leggi di meno
saverio
Recensioni: 5/5

E' sempre sorprendente leggere Roth, ti entra nell'anima. E' fortemente dialogante, sembra quasi che stia discorrendo con te dell'anima. Della tua anima. Forse, è il miglior Roth. Dalla parte della donne che guardano meglio la stupida superficialità degli uomini.Spero proprio che riprenda a scrivere, abbiamo nostalgia della sua scrittura.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,38/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(9)
4
(5)
3
(1)
2
(1)
1
(0)

Voce della critica

“Anche quella battaglia aveva combattuto e anche quella battaglia aveva vinto, eppure le sembrava di non essere mai stata in vita sua tanto desolata quanto si sentiva desolata adesso. Sí, aveva ottenuto tutto quel che aveva voluto, ma aveva l'impressione, mentre tornavano a casa attraverso la tempesta, che non sarebbe mai morta - che sarebbe vissuta per sempre in quel nuovo mondo che si era costruita, e non sarebbe mai morta, e non avrebbe mai avuto la possibilità di essere non solo giusta, ma felice.”

Proprio quando siamo assuefatti ai suoi ebrei di mezza età misogeni, frustrati, dominati da squallide perversioni erotiche, ci ritroviamo tra le mani un romanzo giovanile di Philip Roth che ha come protagonista una donna. Quando lei era buona, secondo romanzo di Roth, pubblicato nel 1967, viene ora ristampato da Einaudi e ci è possibile rileggerlo nella nuova traduzione di Norman Gobetti (quella introvabile del 1970 per Rizzoli era di Bruno Oddera, e il titolo era Quando Lucy era buona). Caso unico, sì. Ma va detto che Lucy Nelson, la protagonista del romanzo, oltre a essere in parte ispirata alla prima moglie Margaret Martinson, contiene già alcune caratteristiche dell'universo maschile rappresentato da Roth nei romanzi a venire.

Lucy Nelson cresce a Liberty Center, una piccola cittadina del Midwest, negli anni Quaranta. Vive a casa dei nonni materni Willard e Berta da quando ha tre anni. Sua madre Myra è una donna debole e senza carattere, suo padre è un uomo incapace di mantenersi un lavoro, alcolizzato e violento, che entra ed esce di galera. Suora mancata, Lucy diventa un'adolescente autoritaria, determinata e risoluta, molto legata al nonno Will, vergognandosi dei propri genitori. Dopo uno dei soliti episodi di violenza di cui è vittima la madre, la ragazza chiama la polizia e fa arrestare il padre.

Durante l'estate prima della partenza per il college, Lucy inizia una relazione con Roy Bassart, un giovane spiantato reduce delle Aleutine che non sa bene cosa fare della sua vita. Cedendo alle estenuanti richieste di Roy e alle sua parole lusinghiere e rassicuranti, Lucy si farà convincere ad andare "fino in fondo", e poco dopo l'inizio dei corsi scoprirà di essere incinta. Lucy e Roy si sposeranno a Natale, pur sapendo di non amarsi, e andranno a vivere insieme a Fort Kean. Alla nascita del bambino, Lucy giura a se stessa che suo figlio non avrebbe mai saputo cosa vuol dire vivere in una casa senza padre e che lei non avrebbe rivissuto la vita di sua madre. Nel frattempo riesce ad allontanare per sempre suo padre, estromettendolo dalla vita di tutta la famiglia, e costringe Roy a lasciare gli studi e ad accettare un lavoro come assistente di un fotografo per permettere al figlio di crescere in una famiglia vera, in una casa vera.

Piena di rabbia per la sua infanzia infelice, Lucy vuole essere onesta, giusta, buona. La più buona di tutti. La sua condotta puritana vuole essere esemplare. Lucy costruisce e ordina il mondo intorno a sé secondo il suo personale concetto di verità e giustizia e si sente in diritto di giudicare e impartire lezioni di vita agli altri. Proprio per questo Lucy è crudele e spietata: perché il suo concetto di giustizia non ammette pietà. Si sente in dovere di educare e proteggere tutti gli uomini-bambini con cui ha a che fare, e lo fa come se stesse combattendo una battaglia santa. La sua condanna nei confronti del padre è netta e inappellabile. Anche verso alcune decisioni del nonno non mancherà di manifestare inequivocabilmente il suo dissenso. L'obiettivo della sua vita è rendere il marito un uomo adulto e responsabile. Un brav'uomo, insomma, da sposare e, forse, amare. Lucy è disposta a tutto pur di cambiare la natura di Roy, renderlo somigliante a questa immagine perfetta, soffocarne i desideri e le ambizioni.

I contrasti tra Lucy e Roy iniziano quando lui pensa di mettersi in proprio per provare a realizzare un sogno, e Lucy non è d'accordo perché la decisione potrebbe essere rischiosa e sconvolgere l'equilibrio familiare. Lo famiglia di Roy si metterà in mezzo per cercare di allontanare il ragazzo e il bambino da Lucy. La tragedia a quel punto è inevitabile.

Quando lei era buona è la storia di una famiglia americana del desolato Midwest lungo tre generazioni - un itinerario familiare che in seguito Roth svilupperà nel suo capolavoro Pastorale americana -, narrata attraverso una lunga analessi che si concentra sulla figura della protagonista femminile. Lucy ha la grandezza statuaria di un'eroina classica, e per questo è destinata a soccombere di fronte alla banalità della vita.
Anche in questo caso Roth non delude e ci regala un romanzo cupo ma splendido sulle frustrazioni e sulla tragedia della vita.

Recensione di Sandra Bardotti

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Philip Roth

1933, Newark, New Jersey

Philip Roth (Newark 1933 - Manhattan 2018) è stato uno scrittore statunitense. Figlio di ebrei piccolo-borghesi rigorosamente osservanti, ha fatto oggetto della sua narrativa la condizione ebraica, proiettata nel contesto urbano dell’America dell’opulenza. I suoi personaggi appaiono vanamente tesi a liberarsi delle memorie etniche e familiari per immergersi nell’oblio dell’attualità americana: di qui la violenta carica comica, ironica o grottesca, che investe anche le loro angosce. Dopo un primo, felice romanzo breve, Addio, Columbus (1959), e i meno incisivi Lasciarsi andare (1962) e Quando Lucy era buona (1967), Roth ha ottenuto la celebrità con Lamento di Portnoy (1969).Dopo Il grande romanzo americano (1973, riedito in Italia da Einaudi nel...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore