Topone PDP Libri
Salvato in 48 liste dei desideri
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
La storia
14,50 €
14,50 €
disp. in 3 gg lavorativi disp. in 3 gg lavorativi (Solo una copia)
+ 8,00 € sped.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libreria Internazionale Romagnosi snc
14,50 € + 8,00 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libreria Internazionale Romagnosi snc
14,50 € + 8,00 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
La storia - Elsa Morante - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione

A questo romanzo (pensato e scritto in tre anni, dal 1971 al 1974) Elsa Morante consegna la massima esperienza della sua vita "dentro la Storia" quasi a spiegamento totale di tutte le sue precedenti esperienze narrative: da "L'isola di Arturo" a "Menzogna e sortilegio". La Storia, che si svolge a Roma durante e dopo la seconda guerra mondiale, vorrebbe parlare in un linguaggio comune e accessibile a tutti.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2
2005
Tascabile
9788806177409

Valutazioni e recensioni

4,39/5
Recensioni: 4/5
(53)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(36)
4
(8)
3
(4)
2
(3)
1
(2)
Anna Maria
Recensioni: 2/5

Mi piace la prima parte la seconda l'ho trovata noiosa e ripetitiva e 600 pagine dono decisamente troppe per quella storia ho fatto fatica a finirlo!

Leggi di più Leggi di meno
AdrianaT.
Recensioni: 3/5

Romanzo puro era meglio. Senza l'intento didattico un po' paternalistico degli inserti storici da bignamino per le medie, ne avrebbe guadagnato in snellezza. Si fa leggere benino pur dandomi l'impressione di un film già visto probabilmente anche perché, in effetti, avevo già visto il film. Nonostante la gran fama e risonanza che perdura attorno a questo romanzo da quasi cinquant'anni, non lo annovererò fra gli 'indimenticabili'; troppo naïf e melodrammatico, non particolarmente incisivo né brillante nella scrittura che, a mio parere, non è risultata propriamente all'altezza (nella tecnica narrativa tanto quanto nella grammatica e sintassi) per sostenerne la notevole densità emotiva e contenutistica. Sono sempre dell'avviso che se scegli un determinato linguaggio, (e la letteratura È un linguaggio, come lo è musica, cinematografia, pittura, televisione, ecc...), devi usarlo bene e secondo le regole; oppure puoi anche cambiare le regole, ma devi comunque essere in grado di sostenere degnamente l'idea/la storia che vai a narrare. Insomma non mi torna il suo decantato valore, e mi ha fatto venire nostalgia di Malaparte, ma a 'La Storia' però, a prescindere, devo tutto il mio rispetto per la rievocazione della sempre inaudita violenza di quei fatti, della miseria e soprattutto dei morti.

Leggi di più Leggi di meno
Cafiero
Recensioni: 4/5

Chi si aspetta una lettura gratificante, una trama accattivante, rimarrà deluso. Ma è un classico della letteratura italiana e per questo va letto, per capire, per non dimenticare. È un libro necessario e molto ambizioso, che riesce a raccontare la miseria e gli orrori della guerra, l'universale e il particolare, ma a mio avviso narrativamente imperfetto, incompiuto.La scrittrice non riesce a integrare in maniera coerente questa materia con gli elementi narrativi, che appaiono qua e là sfilacciati. Un tour de force per la scrittrice, ma anche per il lettore. Non nascondo di avere saltato a pie' pari certe pagine abbastanza pesanti, ad esempio la conversazione fiume su storia e anarchia tra lo studente Davide, stravolto dalle droghe, e i suoi compagni all'osteria. E poi, al di là della pietà per Ida, questa madre derelitta, non ci sono personaggi con cui identificarsi. Il piccolo Useppe è molto tenero e struggente, mentre i giovani, Nino e Davide, beh, gli perdoniamo molto, sono giovani e vivono un contesto per niente facile, ma sono anche francamente indisponenti. Lo stesso Nino, è un personaggio luci e ombre, partecipa alla lotta armata ma, insofferente alla disciplina e alle gerarchie, spreca il suo potenziale. È un libro la cui lettura lascia sgomenti, non c'è speranza, solo tanto dolore. Bello, ma decisamente imperfetto.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,39/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(36)
4
(8)
3
(4)
2
(3)
1
(2)

Conosci l'autore

Elsa Morante

1912, Roma

Elsa Morante è stata una scrittrice, saggista, poetessa e traduttrice. Figlia di una maestra, Elsa Morante non frequentò la scuola elementare e imparò da sola a leggere e scrivere. Iniziò giovanissima a scrivere filastrocche, favole per bambini, poesie e racconti brevi, e a pubblicare su svariati giornaletti per ragazzi. Nel 1942 i suoi scritti per ragazzi vennero raccolti in un volume da lei stessa illustrato e pubblicati da Einaudi con il titolo Le bellissime avventure di Caterì dalla trecciolina (poi riscritto nel 1959 con il titolo Le straordinarie avventure di Caterina). Tra il 1935 e il 1940 scrive eleganti cronache di costume per riviste culturali. Da quell’esercizio giornalistico nacque il primo volume di racconti, Il gioco segreto, che uscì...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore