Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Bastogne - Enrico Brizzi - copertina

Bastogne

Enrico Brizzi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 8 aprile 2014
Pagine: 192 p., Brossura
  • EAN: 9788804637479
Salvato in 8 liste dei desideri

€ 9,50

€ 10,00
(-5%)

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Bastogne

Enrico Brizzi

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Bastogne

Enrico Brizzi

€ 10,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Bastogne

Enrico Brizzi

€ 10,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Sono quattro, giovani e fuori di testa: Ermanno Claypool, sfaccendato studente di filosofia, cresciuto attorno a piazza Nietzsche in una Nizza che assomiglia molto alla Bologna del DAMS; Raimundo Bianco, un mezzo pusher che se ne va in giro come un gigolò cubano; Dietrich Lassalle, un alcolista fissato con la Seconda guerra mondiale e i progetti di vita; e il Cousin Jerry, una sorta di bestemmia umana urlata contro il buon comportamento (e quello che comunemente si chiama "buon gusto"). C'è stato un tempo in cui i quattro personaggi di questa storia, quattro cavalieri dell'apocalisse dei tempi moderni, erano normali, o quasi. Ma ora quel tempo è finito. Il Cousin Jerry è tornato in città e l'ex banda di disertori liceali si è arruolata in una sanguinosa guerra-lampo all'insegna di assalti surreali e dementi contro una società votata al conformismo. Le loro allucinate quanto dissacranti vicende rimangono ancora oggi capaci di affascinare e scuotere.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,81
di 5
Totale 28
5
16
4
3
3
0
2
4
1
5
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    mattiato

    22/09/2019 16:41:39

    Volgare, violento, sessista, greve, cinico, crudele, colto, "sborone", citazionista. Si parla di amicizia criminale, tradimenti, sesso, droga, risse, stupri, rapine, omicidi, rock & roll. La scritttura tiene e, tolta qualche banalità di troppo, se si entra nel mood della trasgressione giovanile ipercompiaciuta e cool, coinvolge.

  • User Icon

    EUGENIO

    14/06/2015 18:42:10

    Gratuitamente volgare e senza un filo logico. Ancora peggio di "come dio comanda", di ammaniti. E ce ne vuole. Lì, almeno c'è una parvenza di trama. Qui invece solo viaggi mentali e citazioni a casaccio di film e canzoni.

  • User Icon

    vittorio

    25/08/2014 09:36:23

    Tanto rumore per nulla....mi avevano parlato di un piccolo capolavoro ed invece l'ho trovato pesante, scritto male, senza un preciso nesso....salvato solo leggermente dal finale....

  • User Icon

    franz

    06/12/2007 15:07:10

    Assolutamente fantastico, il linguaggio è particolare e creativo, la narrazione spinta, violenta e veloce, perfetta per la storia. a mio parere il capolavoro di Brizzi.

  • User Icon

    Giuseppe

    31/10/2006 18:14:59

    Quando Enrico Brizzi la smetterà di imitare(male) altri scrittori(Irvine Welsh,Burgess e tante cose che sanno di già fatto) e inizierà a fare qualcosa creato con il suo cervelletto?

  • User Icon

    Benedetta

    10/03/2006 12:01:36

    Decisamente brutto,non sono mai riuscita a finire di leggerlo,lo trovo violento e volgare,una sorta di brutta copia di "Arancia meccanica"

  • User Icon

    Andrea

    01/03/2006 12:15:14

    Libro scorrevole e interessante, basato su esperienze di vita particolari e suggestive. La violenza è un tema predominante. Lo consiglio come testo ai fans dell'intramontabile Anthony Burgess di "Arancia meccanica".

  • User Icon

    n.d.

    26/09/2005 19:09:24

    decisamente sopravvalutato

  • User Icon

    massimiliano

    02/09/2005 17:10:26

    un pugno nello stomaco che ti fa venire strani pensieri.il coraggio di mettersi in discussione oggi e' roba sprecata,be' signori,quel coraggio brizzi ce l'ha e passa dal romantico-sognatore di jack frusciante a bastogne.un mito da rileggere nei momenti tristi.una carica adrenalinica.il cousin poi e' un personaggio talmente fumettistico che sembra uscito dalla cronaca vera.eccezionale.sconsigliato a delicati e benpensante...che poi...

  • User Icon

    valeria

    29/08/2005 17:48:23

    Un libro bellissimo che si muove nella psicologia degli adolescenti. Vi segnalo un altro capolavoro dal titolo 'zona di guerra' di vincenzo di pietro, presente anche su ibs. Leggetelo,ne vale la pena!!!!!!!

  • User Icon

    Aleboz

    19/07/2005 14:45:09

    Il miglior antidepressivo omeopatico;energia allo stato puro;frasi brevi,violente e chiare come le cinghiate che il cousin Jerry,Ermanno e Dietrich danno nell'assalto al ristorante dei Gialli.E' unico perchè è uno stile nuovo, è unico perchè qualcuno finalmente celebra SuperTognazzi, è unico perchè ci dice tante Verità in Poesia. Il secondo ed ultimo grande romanzo di Brizzi che ho avuto modo d'incontrare di persona;sulla mia copia c'è ancora la sua dedica"per Alessandro, the Animal"

  • User Icon

    Earl Copen

    01/07/2005 09:49:52

    Brizzi ha avuto un coraggio enorme nello sfornare un romanzo del genere - violento, sboccato, amorale - dopo le facili emozioni da adolescente di Jack Frusciante. Un po' Trainspotting, è vero, ma stile e trama da applausi. Grande. Non lo dimenticherò.

  • User Icon

    il cousin alunni

    04/05/2005 22:24:17

    ragazzi e' geniale vorrei tornare indietro per poterlo scriverlo io avere un lessico cosi fresco e tagliente,e' superiore , fu una svolta per me quando lo lessi , ricordo finita l'ultima pagina la descrizione di Dietrich , la vendetta del cousin ... chiudere il libro sentire un brivido e un nodo alla gola ....percepire la consapevolezza, tutto quello che mi aveva dato quel libro che non era piu' un libro ma BASTOGNE !!!!!!!

  • User Icon

    Mirko

    28/03/2005 18:04:30

    Una leggera eco di Arancia meccanica - tra l'altro segnalata dallo stesso narratore - attraversa le pagine di questo grandioso libro dell'allora 21enne Brizzi (21 anni, e guardate che ha sfornato); eco che, però, non va a intaccare minimamente l'originalità dell'opera. Ritmico, poetico, violento, catartico.

  • User Icon

    matte

    24/11/2004 16:47:21

    Un must (almeno per me). Storie di tutti i giorni cantate da uno che la sa lunga. Brizzi è sveglio, ma in altri libri(3 ragazzi immaginari, ma anche in Jack) ne da minor prova. Discontinuo l'autore, ma perfetto il libro.

  • User Icon

    Adriana

    15/11/2004 10:42:02

    Il grandissimo Brizzi ha dato ancora una volta prova di sé stesso....è veramente uno scrittore eccezionale, perchè così giovane riesce perfettamente ad entrare nei pensieri e nelle vicende quotidiane di noi giovani...e riportare tutto su carta in un modo unico, veramente intoccabile!!! non capisco come si faccia ad odiarlo uno così..

  • User Icon

    Emanuele

    10/02/2004 10:56:01

    Chi parla di Trainspotting o Arancia meccanica presenti in questo libro vuol solo dire che NON sa leggere! NON SA COS'E'LO STILE....L'uso delle parole, il linguaggio è un vortice musicale che t culla e t trasporta dalla prima fino all'ultima pagina...Tra l'altro un mondo pieno di verità e di sensazioni provate da tutti noi, se non vi piace, se non le avete provate buttatevi su Coelho, Yoshimoto o altre fregnacce simili!

  • User Icon

    maria

    12/01/2004 12:00:41

    è sparito il brizzi romantico dell'esordio...ma eccone un altro altrettanro sorprendente...crudo, cinico,affascinante.

  • User Icon

    Elisa F.

    17/11/2003 14:27:35

    Carino. Sopravvalutato.

  • User Icon

    Matteo

    26/03/2003 00:34:22

    Ma come si fa a definirlo "tentativo di trainspotting all'italiana"?! Forse non ci si rende conto della differenza immensa di stile e classe che passa tra un genio come Brizzi e un buon scrittore come Welsh

  • User Icon

    Giovanni

    25/12/2002 23:23:22

    Bastogne, ovvero Brizzi insegna l'italiano.Una delle cose più belle mai lette, non tanto per la storia, comunque avvincente, ma per il linguaggio usato( fresco, nuovo, originale ). Geniale

  • User Icon

    Cédric

    02/12/2002 12:06:34

    Giovane e fresco, realistico, senza mezze parole. Veramente un bel libro, niente di artistico o di particolare valore letterario, ma un bel tuffo nella giovane vita di Ermanno e Cousin Jerry per le strade di Nizza agli inizi '80. La storia della giovinezza che ognuno di noi ha vissuto in un modo o nell'altro...questo libro mi ha catturato dalla prima pagina all'ultima. Grande Brizzi.

  • User Icon

    Leonardo

    12/08/2002 15:12:44

    è difficile dare 1 commento ad 1 libro che si è letto 2 anni fa e che nn si ha + occasione di sfogliare (mi fu prestato),ma ci provo lo stesso, perchè vedo pareri perlopiù negativi, mentre io volevo dire qualcosa di buono. Il libro è molto crudo,e in effetti in certe parti lascia 1 po' a desiderare, sembra finto,eccessivo,severo,esagerato,a volte addirittura quasi disgustoso. Ma a me è piaciuto perchè alcuni passi,alcuni dialoghi,delle scene,lasciano trasparire quel sentimento di agitazione,di inquietudine,di irresolutezza che colpisce sempre noi giovani prima o poi, e anche se poi certe cose nn le facciamo,per educazione,per rispetto,per timidezza (aggiungerei anche per fortuna!)magari anche per 1 solo istante c'è balenato di farle,ci è passato per la testa,si è avvertito l'impulso. Insomma mi sono riconosciuto in alcune righe del libro, e così penso molti altri come me,perchè noi giovani differiamo molto nei comportamenti, ma credo che siamo attraversati quasi dagli stessi pensieri. Poi alcune scene sono eccezionali,degne di essere ricordate (come quella in cui dietrich prepara la pasta e viene sorpreso dalla polizia!!). Credo insomma sia 1o di quei libri che può piacere o meno, ma che meriti di essere letto.

  • User Icon

    Arcangelo

    06/05/2002 20:47:02

    Il libro del povero Brizzi è il classico esempio di una letteratura di bassa lega nella quale si immedesimano giovani alla ricerca di loro stessi. Questa è letteratura? Dove è finito il grande spirito letterario e artistico che tutto il mondo ci invidia? Nelle mani di Brizzi? Spero proprio di no.

  • User Icon

    alessio

    14/01/2002 23:56:03

    Fa il verso ad Arancia meccanica,ma lo fa male,ed è in sostanza una serie di scene di droga e sesso senza nesso e senza storia.Non vedi l'ora di finirlo per iniziarne uno migliore

  • User Icon

    Alessandro

    31/10/2001 13:58:01

    Nuovo, fresco. Un libro splendido e completamente diverso dalla monotonia dei titoli in fila sugli scaffali. Una ottima pausa.

  • User Icon

    Roberto R.

    15/05/2001 12:27:18

    Ottima e ficcante narrazione retro' (primi anni '80) che come sa chi ha avuto diciotto anni a quei tempi erano eccessivi e rocamboleschi. Molto ben scritto e pieno di invenzioni, e comunque da non prendere troppo sul serio per la parte splatter che rappresenta una catarsi immaginativa e nulla di piu'. Divertente e una boccata d'aria rispetto al conformismo dei mille titoli al giorno che escono oggi.

  • User Icon

    Massimiliano

    21/11/2000 16:19:41

    Brutto, anzi orrendo, tentativo di Trainspotting all'italiana

Vedi tutte le 28 recensioni cliente
  • Enrico Brizzi Cover

    Scrittore italiano, è figlio di un professore di Storia moderna all'Università e di madre insegnante di scuola superiore. Frequenta da adolescente il Liceo Galvani della sua città (che diventerà storpiato in "Caimani" nel primo libro). Esordisce non ancora ventenne con il suo primo romanzo Jack Frusciante è uscito dal gruppo, tradotto in ventiquattro paesi e divenuto film nel 1996. All'ingombrante esordio l'autore ha fatto seguire il tenebroso Bastogne. Nel 2003 ha sposato Cristina Gaspodini, già curatrice del volume Il mondo secondo Frusciante Jack. Fra gli autori italiani che più l'hanno influenzato, Brizzi ha sempre citato al primo posto Pier Vittorio Tondelli. Nell'aprile 2008 ha intrapreso un secondo viaggio sulle orme dei pellegrini medievali,... Approfondisci
Note legali