Indignazione - Philip Roth - copertina
Salvato in 11 liste dei desideri
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Indignazione
12,00 €
LIBRO
Venditore: SUKKAZONE
12,00 €
disp. in 2 gg lavorativi disp. in 2 gg lavorativi (Solo una copia)
+ 10,00 € sped.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
SUKKAZONE
12,00 € + 10,00 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
SUKKAZONE
12,00 € + 10,00 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Indignazione - Philip Roth - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


"Indignazione" racconta dell'educazione di un giovane uomo alle terrificanti opportunità e ai bizzarri impedimenti della vita nell'America del 1951. E una storia di inesperienza, stoltezza, resistenza intellettuale, scoperta sessuale, coraggio ed errore. E una storia narrata con tutta l'energia inventiva e l'arguzia di cui Roth è maestro, e un ulteriore poderoso tassello nella sua analisi dell'impatto della storia americana sulla vita di individui vulnerabili.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2011
Tascabile
141 p., Brossura
9788866213093

Valutazioni e recensioni

4,35/5
Recensioni: 4/5
(57)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(37)
4
(9)
3
(7)
2
(2)
1
(2)
Vercovicium
Recensioni: 5/5

È il primo libro di Roth che ho letto e ne sono rimasto entusiasta. Scorre fluido e invoglia alla lettura. Sembra quasi un giovane Holden in versione più matura.

Leggi di più Leggi di meno
teo
Recensioni: 4/5

Roth entra nelle pieghe più riposte della psicologia del suo personaggio, che ci appare come un agnello sacrificale, come colui che ha un destino segnato da una consuetudine che, anche dopo la fine della seconda guerra mondiale, ha continuato a vedere gli ebrei, anche se cittadini americani, come carne da macello. La metafora del sangue, della mannaia che il padre del ragazzo impugna per eseguire i tagli rituali della carne perchè sia kosher,e dunque pura, ricorre in tutto il breve ma commovente romanzo: romanzo di iniziazione, si sarebbe portati a dire, malgrado il terribile ed epico finale.

Leggi di più Leggi di meno
Giuseppe Russo
Recensioni: 3/5

Pur presentando delle pagine di altissima densità letteraria (come le coltellate che Marcus e il decano Caudwell si sparano l'uno contro l'altro sotto forma di dialoghi al veleno), manca qualcosa a questo romanzo di Roth. Il giovane Marcus che sta vivendo in modi così sofferti la transizione dall'adolescenza all'età adulta viene dipinto magistralmente nell'insieme delle sue relazioni con i genitori, con gli altri studenti e in genere con l'autorità (motivo fisso nell'opera di Roth: l'oscillazione nel rapporto soggetto-autorità). Ma, rispetto a questo insieme splendidamente raccontato, c'è un vuoto eccessivo nella fase tra l'uscita dal college e la morte in Corea. Come se non contasse nulla, e quindi non meritasse di essere narrata, l'esperienza del protagonista quando, nel suo ciclo di riti di passaggio, avrebbe dovuto vivere anche quello dell'ingresso nel mondo militare negli ultimi mesi dell'amministrazione Truman. E invece è piuttosto evidente che il romanzo avrebbe avuto bisogno di pagine e pagine dedicate anche a quella esperienza, per cui resta questa specie di vuoto diegetico poco sensato.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,35/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(37)
4
(9)
3
(7)
2
(2)
1
(2)

Conosci l'autore

Philip Roth

1933, Newark, New Jersey

Philip Roth (Newark 1933 - Manhattan 2018) è stato uno scrittore statunitense. Figlio di ebrei piccolo-borghesi rigorosamente osservanti, ha fatto oggetto della sua narrativa la condizione ebraica, proiettata nel contesto urbano dell’America dell’opulenza. I suoi personaggi appaiono vanamente tesi a liberarsi delle memorie etniche e familiari per immergersi nell’oblio dell’attualità americana: di qui la violenta carica comica, ironica o grottesca, che investe anche le loro angosce. Dopo un primo, felice romanzo breve, Addio, Columbus (1959), e i meno incisivi Lasciarsi andare (1962) e Quando Lucy era buona (1967), Roth ha ottenuto la celebrità con Lamento di Portnoy (1969).Dopo Il grande romanzo americano (1973, riedito in Italia da Einaudi nel...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore