copertina

Tra pirati e delfini

Luigi Santucci

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Illustratore: F. Brunello
Editore: Bompiani
Collana: I delfini
Anno edizione: 1996
Pagine: 112 p., ill.
  • EAN: 9788845229312
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 3,21

€ 5,94

Punti Premium: 3

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Alvise, un ragazzino salvato in fasce dai delfini e allevato dal vecchio Bill nella laguna veneta, naufraga durante una tempesta, perde nonno Bill e viene recuperato da una nave di pirati. Il bislacco equipaggio tiene graziosamente prigioniera Janet, una deliziosa ragazzina che il capo dei bucanieri sogna di sposare. Con la complicità del cuoco di bordo, il cinese Chiao-Tu, e dei delfini che scortano la nave fedeli ad Alvise, arriverà anche la salvezza per tutti, dopo i colpi di scena di un'avventura tutta da sorridere.
  • Luigi Santucci Cover

    (Milano 1918-99) scrittore italiano. Esordì nel 1942 con il saggio Limiti e ragioni della letteratura infantile. Nel 1946 pubblicò Misteri gaudiosi (quasi una dichiarazione di poetica), cui seguirono il romanzo In Australia con mio nonno (1947) e i racconti Lo zio prete (1951), opere in cui si precisa la sua religiosità serena percorsa da un vivace humour. La sua opera più nota è il romanzo Il velocifero (1965), storia d’ambiente milanese che fa rivivere figure, oggetti, interni domestici tra fine ’800 e primo ’900. Interessante, dopo Orfeo in paradiso (1967, premio Campiello), Non sparate sui narcisi (1971), Come se (1973), soprattutto Il Mandragolo (1979), in cui l’angoscia della morte viene esorcizzata in chiave fantastico-grottesca e l’impasto fra sostrato dialettale e lingua colta raggiunge... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali