Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

L' Assommoir - Émile Zola - copertina

L' Assommoir

Émile Zola

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Curatore: P. Pellini
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 9 settembre 2014
Pagine: XXVI-685 p., Brossura
  • EAN: 9788804641230
Salvato in 28 liste dei desideri

€ 13,30

€ 14,00
(-5%)

Venduto e spedito da Multiservices

spinner

Disponibile in 20 gg lavorativi

Solo 2 copie disponibili

+ 7,50 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Ho voluto dipingere il tracollo fatale di una famiglia operaia nell'ambiente appestato dei nostri sobborghi. Dove regnano l'ubriachezza e l'ozio, prima o poi troviamo l'allentamento dei vincoli familiari, le sozzure della promiscuità, il progressivo oblio dei sentimenti onesti; poi, in conclusione, la vergogna e la morte." Eppure, continua Émile Zola, "L'Assommoir è il più casto dei miei libri. La forma, soltanto la forma ha scandalizzato i critici. Il mio crimine è di aver avuto la curiosità letteraria di raccogliere e di fondere in uno stampo molto elaborato la lingua del popolo". Lo straordinario esperimento linguistico di Zola è l'invenzione di una forma narrativa ricca di indiretti liberi capaci di creare una intensa empatia con i personaggi e al tempo stesso di far irrompere nel testo una violenta denuncia sociale, senza che sia l'autore a farsene carico in prima persona. Il primo romanzo che emani davvero "l'odore del popolo" è qui offerto nella traduzione e con l'apparato di commento di uno dei più famosi francesisti italiani.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 5
5
5
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Andrea

    20/09/2018 11:04:33

    Il capolavoro di Zola parla da sé. Ciò su cui vorrei soffermarmi è il corredo di note che affronta brillantemente i nodi cruciali dell'opera. Pellini prende per mano il lettore e lo guida attraverso la complessità del testo senza mai banalizzarlo, anzi arricchendolo con puntuali riferimenti.

  • User Icon

    Antonio

    16/08/2018 17:45:10

    Il romanzo è (secondo me) meraviglioso; il mio giudizio è però soggettivo e non val la pena spendere a riguardo troppe parole. Merita invece una menzione speciale quest'ottima edizione corredata da un apparato di note veramente utili a comprendere l'opera. La traduzione è inoltre scorrevole e accurata.

  • User Icon

    luciano

    20/06/2018 14:11:19

    In questo romanzo viene descritta la vita d'inferno nei sobborghi di Parigi di metà Ottocento e, forse, è la stessa vita d'inferno che, oggi, si vive in tutte le periferie del mondo. Alla miseria, allora come oggi, è spesso abbinata una violenza cieca e brutale che viene messa in atto sulle donne; vengono maltrattate, picchiate a sangue, prese a calci da padri e mariti, ubriachi fradici, sempre. E' ciò che succede a Laile, una bambina di otto anni, massacrata dal padre, perennemente imbottito di acquavite. La sofferenza di Laile, la descrizione dei suoi patimenti, la sua morte su una brandina, con il corpo sanguinante e coperto di lividi, sono raccontati in pagine memorabili, che fanno riaffiorare alla mente la piccola Cosette de "I miserabili", ma a differenza del personaggio di Victor Hugo, per Laile, non c'è alcun riscatto, alcuna redenzione, alcuna felicità nella sua brevissima vita. E, in questo inferno di miseria, anche morale, si cerca l'oblio, ci si stordisce nell'alcol, aggiungendo, così, miseria alla miseria e, via, via, gradino dopo gradino, si precipita verso la perdita di se stessi, la distruzione dell'io, per giungere, alfine, alla follia. L'uomo è solo fame e freddo, manca la solidarietà tra miserabili, e la vita altro non è che una prigione crudele e insopportabile, da cui si fugge affogandosi nell'alcol. Dalla miseria si passa all'alcolismo; da un pozzo buio e profondo, si passa ad un altro pozzo ancora più buio e profondo, dove manca un qualsiasi bagliore di speranza. Emblema di tutto questo, fonte di ogni oblio, è L'Assommoir, l'osteria di papà Coulombe, nel cui cortile troneggia il distillatore, che produce continuamente litri e litri di alcool; macchina venerata e temuta, che trascina via i dolori della vita, ma che è anche la distruzione della vita stessa.

  • User Icon

    Prof.Davide Guglielmino

    22/06/2016 18:25:44

    Un classico da riscoprire: L'Assommoir di Émile Zola, a cura di Pierluigi Pellini, presenta alcuni elementi degni di nota: l'ampia introduzione generale, l'ottima traduzione, il curatissimo commento. Scrive Remo Ceserani: "La parte più preziosa del lavoro di Pellini la si trova nelle note, che non si limitano a dare tutte le informazioni necessarie per capire allusioni, terminologie, costumi di un mondo ormai lontano dal nostro, ma sono a volte piccoli saggi di interpretazione critica, in chiave stilistica, tematica o intertestuale." Indimenticabile la figura della protagonista, Gervaise Macquart, che viene delineata con molta cura, Zola si rivela ancora una volta un "maestro" nella rappresentazione dei caratteri femminili ( solo per citarne alcuni: Therese Raquin, Madeleine Ferat). Promiscuità, ozio ed alcolismo causeranno la distruzione dei personaggi principali del romanzo.

  • User Icon

    Paolo Deghenghi

    26/03/2016 08:32:46

    Come è possibile che un romanzo così crudo e sensuale, così netto e intransigente, sia caduto nell'oblio ? Vogliamo aggiungere alle letture di intrattenimento anche questi intramontabili capolavori pur se ammantati dalla patina irritante di certo accademismo scolastico ? La sua fruizione è piacevole e si interrompe solo all'ultima pagina; i personaggi sono scolpiti nel marmo; l'infernale Parigi con i suoi scorci di prodigioso lirismo è indimenticabile. Cos'altro aggiungere ? (Una nota: era proprio necessaria, nello sconfinato panorama editoriale nostrano, l'edizione in brossura dei Meridiani ?).

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
  • Émile Zola Cover

    (Parigi 1840-1902) scrittore francese. Rimase presto orfano e trascorse l’infanzia e la giovinezza in gravi ristrettezze economiche. Prima di raggiungere il successo con i suoi romanzi, visse lavorando presso la casa editrice Hachette e facendo il giornalista, attività che non abbandonò mai del tutto. Considerato il caposcuola del naturalismo, fu al centro di numerose polemiche artistiche, impegnandosi, tra l’altro, nella difesa di Manet e degli impressionisti (I miei odii, Mes haines, 1866). Ma l’avvenimento più clamoroso della sua vita è legato al caso Dreyfus: Z., schieratosi con gli innocentisti, denunciò il complotto militarista e reazionario con la famosa lettera aperta (J’accuse) pubblicata su «L’Aurore» (1898).... Approfondisci
Note legali